Privacy Policy
Tanzania: due morti nell'attentato contro una chiesa cattolica. Il nunzio: "Siamo sotto choc"
Tanzania: due morti nell’attentato contro una chiesa cattolica. Il nunzio: “Siamo sotto choc”
Sei persone, tra cui quattro di nazionalità saudita, sono state arrestate nell’ambito delle indagini sull’esplosione avvenuta ieri in una chiesa di Arusha, nel nord della Tanzania. Intanto, il bilancio delle vittime dell’attentato è salito a due, secondo il governatore della provincia, Magesa Mulongo, con una decina di persone ferite.

 

Da parte sua, il presidente della Tanzania, Jakaya Kikwete, ha definito l’attacco ”un atto terroristico”. La deflagrazione, causata da un ordigno, è avvenuta durante l’inaugurazione di una parrocchia alla presenza del nunzio apostolico nel Paese mons. Francisco Padilla, rimasto illeso.

 

Paolo Ondarza lo ha raggiunto telefonicamente:
R. – Nessuno se lo aspettava. In città al mio arrivo per la visita pastorale ero stato accolto molto bene. Siamo arrivati alle 10 per l’inaugurazione della parrocchia. Quando abbiamo iniziato la benedizione fuori dalla chiesa, prima di entrare dentro, ho sentito un’esplosione, poi ho visto corpi di gente ferita per terra. Ero sotto choc e la polizia mi hanno subito portato in un posto sicuro.

 

D. – Che spiegazione viene data a quanto accaduto?
R. – Tutti sono sotto choc. Nessuno si aspettava tutto ciò. I miei sentimenti e le mie preghiere vanno in questo momento alle vittime. Sono molto addolorato per loro, vittime innocenti presenti alla celebrazione.

 

D. – Verso quale ipotesi si stanno orientando gli inquirenti, le indagini?
R. – Non si sa. Ora sono alloggiato presso la casa del vescovo, Il governo locale mi ha già espresso il suo rammarico assicurandomi il massimo impegno nelle indagini. Stanno facendo tutto perché non si ripetano fatti del genere nel futuro.

 

D. – Sorprende un atto del genere in una chiesa cattolica in Tanzania. Non ci si aspettava niente del genere?
R. – No, questa è la prima volta. In Kenya sono già accadute cose simili, ma non in Tanzania. E’ la prima volta di una bomba esplosa durante una celebrazione liturgica.

 

D. – Cosa si sente di dire? Quale il suo messaggio in questo momento così difficile?
R. – Da parte mia, come rappresentante del Papa io esprimo piena solidarietà alla Chiesa di Arusha e anche alle altre chiese cattoliche nel Paese che nel passato hanno vissuto momenti drammatici: ad esempio a Zanzibar un sacerdote è stato ucciso e alcune chiese cristiane sono state incendiate. Io prego per le vittime e le loro famiglie. Speriamo bene.

 

(Radio Vaticana)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu