Privacy Policy
Sri Lanka: rinviata la ripresa delle Messe domenicali nelle chiese!
Sri Lanka: rinviata la ripresa delle Messe domenicali nelle chiese!

La decisione è stata presa dal card. Ranjith dopo che la Chiesa è stata messa in guardia dal governo del rischio di nuovi possibili attacchi anche perché alcuni sospettati sono ancora ricercati. I fedeli dovranno celebrare anche questa domenica nelle case.

 

I vertici della chiesa cattolica in Sri Lanka hanno deciso di rinviare la ripresa regolare della celebrazione delle Messe nelle chiese dopo gli attentati che a Pasqua hanno provocato 257 morti. “L’avviso riguarderà solo il distretto di Colombo”, ha detto padre Edmund Tillakaratne, portavoce delle autorità ecclesiastiche locali. La decisione di rinviare le normali celebrazioni nelle chiese, inizialmente previste domenica prossima, è stata presa dal card. Malcolm Ranjtih dopo che il governo ha messo in guardia la chiesa cattolica del rischio di nuovi possibili attacchi. Le autorità hanno confermato infatti, che alcuni dei sospettati legati alle stragi di Pasqua sono ancora ricercati, mentre il card.Ranjith ha criticato il governo per non avere condiviso le informazioni di intelligence atte a prevenire gli attentati del 21 aprile.

 

Messe nelle case per i cattolici

 

Domenica scorsa settimana tutte le chiese cattoliche del Paese erano rimaste chiuse e invece della consueta Messa domenicale, il card. Ranjith aveva tenuto un’omelia davanti al clero e alle autorità politiche, trasmessa in televisione dalla sua residenza mentre i cattolici – per celebrazione l’eucarestia – si erano riuniti nelle case. Anche ai musulmani del Paese era stato raccomandato di evitare la preghiera del Venerdì ma i loro leader, hanno invitato lo stesso i fedeli a tornare nelle moschee, ha riferito il presidente del Consiglio musulmano dello Sri Lanka, N.M. Ameen, precisando di avere chiesto al governo un rafforzamento delle misure di sicurezza.

 

(Roberto Piermarini, VaticanNews, 03/05/2019)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu