Privacy Policy
Cina. Appello per fermare la persecuzione verso i cristiani!
Cina. Appello per fermare la persecuzione verso i cristiani!

297 pastori protestanti hanno firmato una petizione che chiede al governo di fermare la sua “azione violenta” contro i cristiani.

 

297 pastori protestanti di 21 province e regioni autonome cinesi hanno firmato una petizione che denuncia distruzione di chiese e abbattimento di croci, che chiede al governo di fermare la sua “azione violenta” contro i cristiani e di accettare la distinzione tra Chiesa e Stato.

 

I pastori hanno denunciato che dall’entrata in vigore dei nuovi regolamenti religiosi (1 febbraio) la pressione sulle chiese cinesi è aumentata. “Da allora, le chiese cristiane in tutta la Cina hanno sofferto vari gradi di persecuzioni”.

 

Tra le azioni vengono citate: la demolizione di croci su edifici ecclesiastici, la rimozione violenta di croci e versetti esposti sulle case dei cristiani, le minacce alle chiese, l’imposizione ad esporre la bandiera nazionale, il divieto ai bambini cristiani di entrare nelle chiese e ricevere un’educazione religiosa e la negazione ai credenti del diritto di riunirsi liberamente.

 

Nella petizione i pastori riaffermano il principio della separazione tra Chiesa e Stato: “In nessuna circostanza indurremo le nostre chiese a unirsi a un’organizzazione religiosa controllata dal governo, a registrarsi presso il Dipartimento dell’amministrazione religiosa o ad accettare qualsiasi tipo di affiliazione”.

 

(NotizieEvangeliche, 26/09/2018)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu