Privacy Policy
Chiese e conflitto colombiano. Le persecuzioni al settore religioso!
Chiese e conflitto colombiano. Le persecuzioni al settore religioso!

Il Tavolo ecumenico per la pace ha presentato alla Commissione per la verità un documento sulle vittime della Chiesa dei poveri durante il conflitto interno. A breve anche DIPAZ presenterà un analogo dossier.

 

La Commissione per la verità colombiana, ente statale nato dopo l’accordo di pace per chiarire le cause del conflitto armato interno – presieduta dal gesuita Francisco de Roux –, ha ricevuto un rapporto sulle vittime della Chiesa dei poveri, un movimento sociale di origine cristiana che ha accolto in Colombia la tesi della teologia della liberazione.

 

La consegna si è svolta nell’auditorium del Colegio de San Bartolomé, a Bogotá, nell’ambito del VII Incontro Nazionale del Tavolo ecumenico per la pace, un gruppo che riunisce i cristiani di varie chiese e che ha elaborato il documento.

 

Il rapporto presenta 48 casi di violenza politica contro uomini e donne collegati a movimenti socio-religiosi e si tratta per lo più, di crimini di stato, a volte commessi da forze paramilitari in complicità con le mafie del traffico di droga.

 

Il Tavolo ecumenico per la pace è nato nel 2012. Ancora prima dell’inizio dei dialoghi tra il governo di Juan Manuel Santos e l’allora guerriglia delle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia, il gruppo si era proposto di lavorare con i cittadini per ampliare la consapevolezza della necessità di chiedere e sostenere qualsiasi iniziativa a favore di un’uscita politica al conflitto armato. “Non è un dialogo religioso o un esercizio intra-ecclesiale o meramente pastorale”, aveva affermato Omar Fernández, uno dei suoi promotori; “È un dibattito che vuole essere impiantato nella società”.

 

Dopo la firma dell’accordo di pace e l’avvio della Commissione per la verità, i membri del Tavolo ecumenico per la pace hanno iniziato a preparare un rapporto sulla persecuzione al settore religioso.

 

Jenny Neme, membro di DIPAZ*, piattaforma di dialogo interecclesiale per la pace in Colombia composta da cristiani, per lo più del settore evangelico, ha assistito alla consegna del rapporto del Tavolo ecumenico per la pace, insieme al pastore presbiteriano Milton Mejía. Quest’ultimo ha annunciato che un rapporto analogo è in fase di preparazione da parte di DIPAZ, e che potrebbe essere presentato a gennaio o febbraio del prossimo anno.

 

* Componenti DIPaz: Chiesa luterana di Colombia, Chiesa presbiteriana di Colombia, Consiglio delle assemblee di Dio, Commissione di pace CEDECOL, Café Paz, Fondazione universitaria battista di Colombia FUB, Corporazione universitaria riformata di Barranquilla CUR, Confraternidad Carcelaria de Colombia, Corporazione per lo sviluppo sociale e comunitario, Movimento studentesco Cristiano- Colombia MEC, World Visión Colombia, Comunità francescana Nuestra señora de Lourdes, Comunità Construyendo Paz en los territorios CONPAZ, Justapaz, Commissione interecclesiale di giustizia e pace, Centro regionale ecumenico di consulenza e servizo, CREAS.  Osservatori: Chiesa svedese, Federazione luterana mondiale, Christian Aid, ACT Alliance, Consiglio ecumenico delle chiese.

 

(Nev, 12/11/2019)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu