Privacy Policy
Persecuzione dei cristiani "a livelli vicini al genocidio"!
Persecuzione dei cristiani “a livelli vicini al genocidio”!
La persecuzione dei cristiani in alcune parti del mondo è vicina ai livelli di “genocidio”, secondo un rapporto ordinato dal ministro degli esteri Jeremy Hunt. La revisione, guidata dal vescovo di Truro, il reverendo Philip Mounstephen, ha stimato che una persona su tre ha subito persecuzioni religiose e che i cristiani sono il gruppo religioso più perseguitato.

 

Il ministro Hunt ha detto di ritenere che il “politicamente corretto” abbia avuto un ruolo nella questione che non è stata affrontata. Il rapporto interinale afferma che il principale impatto degli “atti di genocidio contro i cristiani è l’esodo” e che il cristianesimo sta per essere “spazzato via” dal Medio Oriente. La religione “è a rischio di scomparire” in alcune parti del mondo, considerando le cifre secondo cui i cristiani in Palestina rappresentano meno dell’1,5% della popolazione, mentre in Iraq sono passati da 1,5 milioni prima del 2003 a meno di 120.000.

 

“Le prove mostrano non solo la diffusione geografica della persecuzione anti-cristiana, ma anche la sua crescente gravità“, ha scritto il Vescovo. “In alcune regioni, il livello e la natura della persecuzione si avvicina probabilmente alla definizione internazionale di genocidio, secondo quella adottata dall’ONU”.

 

Il segretario degli esteri ha commissionato la revisione il giorno di Santo Stefano del 2018, tra le proteste per il trattamento di Asia Bibi, una donna cristiana che ha subito minacce di morte dopo essere stata assolta da una blasfemia in Pakistan. Hunt, che è in tour di una settimana in Africa, ha detto che i governi sono “addormentati” per quanto riguarda la persecuzione dei cristiani, ma che questo rapporto e gli attacchi nello Sri Lanka hanno “svegliato tutti con uno shock enorme”.

 

Ha aggiunto: “Penso che ci sia una preoccupazione malriposta che sia in qualche modo colonialista parlare di una religione che è stata associata alle potenze coloniali piuttosto che ai paesi in cui siamo entrati come colonizzatori.

 

Il “politicamente corretto”

 

“Questo ha forse creato imbarazzo nel parlare di questo problema – il ruolo dei missionari è sempre stato controverso e questo, credo, ha anche portato alcune persone a rifuggire da questo argomento.

 

“Quello che abbiamo dimenticato in quell’atmosfera di correttezza politica è in realtà che i cristiani perseguitati sono alcune delle persone più povere del pianeta”.

 

In risposta al rapporto, il presidente del Consiglio dei deputati degli ebrei britannici, Marie van der Zyl, ha affermato che gli ebrei sono stati spesso bersaglio di persecuzioni e sono preoccupati per i cristiani discriminati sulla base della loro fede.

 

“Che si tratti di regimi autoritari o di fanatismo mascherato nella falsa apparenza della religione, rapporti come quello lanciato oggi ci ricordano che ci sono molti luoghi in cui i cristiani affrontano livelli spaventosi di violenza, abusi e molestie”, ha detto.

 

La rivista pubblicherà i risultati finali in estate.

 

(ImolaOggi, 05/05/2019)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu