Privacy Policy
In Kosovo dilaga la cristianofobia!
In Kosovo dilaga la cristianofobia!
Sarà anche finita formalmente la guerra, ma in Kosovo la situazione resta davvero pesante per i cristiani.

 

Profanato, ad esempio, il loro cimitero ad Orahovac: diverse croci sono state distrutte, mentre sono state saccheggiate le lapidi dei defunti interrati a marzo.

 

Lo scorso 28 maggio, nel villaggio di Petric, nei pressi di Klina, dei serbi si son voluti ritrovare sulle rovine della loro chiesa, demolita nel 1999 dalle milizie albanesi. Ma i pellegrini sono stati violentemente attaccati dalla popolazione albanese, che ha loro rifiutato l’accesso al luogo.

 

Mentre cercava di raggiungere la propria parrocchia in auto, il parroco d’Osojane è stato attaccato, all’altezza del villaggio di Zac, da esponenti islamici locali. Armati di kalashnikov, dieci individui gli hanno sbarrato la strada, prima di cercare d’introdursi nel veicolo. Ma il sacerdote è riuscito a divincolarsi e a sfuggire all’imboscata.

 

(CorrispondenzaRomana, 11/06/2018)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu