Privacy Policy
"Genocidio puro": oltre 6.000 cristiani nigeriani macellati, soprattutto donne e bambini!
“Genocidio puro”: oltre 6.000 cristiani nigeriani macellati, soprattutto donne e bambini!
I dirigenti della Chiesa in Nigeria hanno affermato che i cristiani stanno vivendo un “genocidio puro” dato che da gennaio 6000 persone, in maggioranza donne e bambini, sono state uccise dai radicali Fulani.

 

“Quello che sta accadendo nello stato di Plateau e in altri stati selezionati in Nigeria è un genocidio puro e deve essere immediatamente interrotto”, ha detto l’Associazione Cristiana della Nigeria e i capi delle confessioni religiose di Plateau State in un comunicato stampa la scorsa settimana.

 

I dirigenti della chiesa hanno detto che “più di 6.000 persone, per lo più bambini, donne e anziani sono stati mutilati e uccisi in incursioni notturne da mandriani armati Fulani”, che sta spingendo il loro grido al governo nigeriano “per fermare questo insensato e sanguinante spargimento di sangue la terra ed evitare uno stato di completa anarchia dove le persone sono costrette a difendersi”.

 

Il comunicato stampa ha anche chiesto alla comunità internazionale, così come alle Nazioni Unite, di intervenire negli attacchi Fulani, temendo che potessero diffondersi anche in altri paesi.

 

“Siamo particolarmente preoccupati per la diffusa insicurezza nel paese in cui gli attacchi illegali e le uccisioni di mandriani, banditi e terroristi armati Fulani si sono verificati quotidianamente nelle nostre comunità senza incontrare grossi investimenti nelle agenzie di sicurezza”, hanno aggiunto, dicendo che il presidente Muhammadu Buhari non è riuscito a consegnare gli aggressori alla giustizia.

 

Hanno fatto riferimento a diversi attacchi su vasta scala quest’anno, tra cui il massacro di oltre 200 persone, per lo più cristiani, alla fine di giugno, nelle incursioni compiute dai mandriani sugli agricoltori della zona vicino alla città di Jos.

 

Sebbene alcuni media internazionali abbiano cercato di caratterizzare gli omicidi come un conflitto di terra tra gruppi comunitari, i leader della chiesa, insieme ai principali gruppi di controllo delle persecuzioni come Open Doors USA e International Christian Concern, hanno tutti affermato che i cristiani sono deliberatamente presi di mira.

 

“Rifiutiamo la storia degli attacchi alle comunità cristiane in tutto il paese come uno scontro tra agricoltori e pastori”. Il governo federale è stato così immerso in questa falsa propaganda e inganno mentre spingeva con forza l’idea politica di stabilire allevamenti di bestiame o colonie sulle terre agricole ancestrali delle comunità attaccate per i mandriani Fulani come l’unica soluzione al problema”, dichiara il comunicato stampa, accusando il governo di aver anche spinto una tale narrazione.

 

“Come può essere uno scontro quando un gruppo sta attaccando con insistenza, uccidendo, mutilando, distruggendo, e l’altro gruppo viene costantemente ucciso, mutilato e i loro luoghi di culto distrutti? Come può essere uno scontro quando i pastori cacciano i contadini nei loro villaggi e comunità e gli agricoltori stanno correndo per le loro vite?” chiesero i dirigenti della chiesa.

 

“Come può essere considerato uno scontro quando i mandriani sono i predatori e gli abitanti o gli agricoltori indigeni sono la preda? Fino a quando non chiameremo una malattia con il suo vero nome e le vere cause, sarà difficile diagnosticare correttamente la malattia ed i farmaci curativi corretti.”

 

Ci sono state diverse segnalazioni sul numero di cristiani uccisi in Nigeria dall’inizio dell’anno.

 

La Società internazionale per le libertà civili e lo stato di diritto, Intersociety, ha dichiarato martedì che un totale di 1.750 cristiani, insieme ai non musulmani, sono stati uccisi sia dai mandriani Fulani, sia dai radicali di Boko Haram, che sono un gruppo terroristico separato.

 

Intersociety ha anche avvertito di un genocidio nella sua dichiarazione.

 

“La Nigeria sta andando alla deriva per un genocidio attraverso l’uccisione, la mutilazione, la distruzione di chiese e altri luoghi di culto sacri e il sequestro forzato e l’occupazione di terre ancestrali, di culto, di agricoltura e dimora dei cristiani indigeni e di altri religiosi indigeni nel nord della Nigeria”, ha detto.

 

Il vescovo cattolico William Avenya di Gboko ha detto separatamente all’aiuto di beneficenza alla Chiesa che soffre, che il mondo non può aspettare un genocidio completo prima di decidere di intervenire.

 

“Per favore, non commettere lo stesso errore commesso con il genocidio in Ruanda”, ha affermato, riferendosi al massacro di persone tutsi in Ruanda, dove circa un milione di persone è stato ucciso nel 1994.

 

“È successo sotto il nostro naso, ma nessuno lo ha fermato e sappiamo bene come è finita”, ha detto Avenya.

 

(Stoyan Zaimov, ChristianPost, 16/03/2019)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu