Privacy Policy
Asia Bibi esclusa dalla rosa dei candidati per il premio Sacharov!
Asia Bibi esclusa dalla rosa dei candidati per il premio Sacharov!

Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte per blasfemia e in carcere dal 2009 è fuori dalla rosa dei tre finalisti del premio Sacharov. È morto l’avvocato cristiano che seguiva la sua causa.

 

Asia Bibi, la madre di famiglia di fede cattolica in attesa della sentenza definitiva della Corte suprema pachistana sulla sua condanna a morte per blasfemia, è stata esclusa dalle candidature a ricevere il premio Sacharov per la libertà di pensiero.

 

Il Parlamento europeo ha scelto l’opposizione democratica in Venezuela tra i tre finalisti del premio Sacharov per la libertà di espressione. Gli altri candidati dell’edizione 2017, selezionati dalle commissioni Affari esteri e Sviluppo, sono la militante ambientalista guatemalteca Aura Lolita Chavez Ixcaquic e il giornalista eritreo Dawit Isaak.

 

Istituito nel 1988, il premio Sacharov viene assegnato a persone che abbiano contribuito in modo eccezionale alla lotta per i diritti umani in tutto il mondo e attira l’attenzione sulla violazione dei diritti umani oltre a sostenere i vincitori e la loro causa.

 

La nomina di Asia Bibi era stata proposta lo scorso settembre dal gruppo Conservatori e riformisti nel Parlamento di Strasburgo. «Il suo caso è un simbolo per altri colpiti nella propria libertà di espressione e soprattutto nella libertà di religione», aveva segnalato il parlamentare olandese Peter van Dalen, tra i proponenti l’assegnazione. Un voto favorevole all’attribuzione del Premio, il 10 dicembre, a Strasburgo, avrebbe potuto portare ad Asia Bibi e alla sua famiglia un contributo in denaro di 50mila euro, ma soprattutto un sostegno morale, e il forte consenso dell’opinione pubblica mondiale e un sostegno diplomatico di vasta portata alla sua liberazione. Peraltro il 7 ottobre è morto Choudry Naeem Shakir, avvocato cristiano, di 73 anni, che aveva difeso Asia Bibi. Durante la sua lotta politica di oltre 50 anni, Shakir ha fornito sostegno legale a minoranze religiose, lavoratori e poveri, difendendoli dai metodi brutali della polizia e in particolare dalle accuse di blasfemia.

 

(Stefano Vecchia, Avvenire, 10/10/2017)
10.000 firme al più presto!
Forme sempre più gravi di discriminazione e intolleranza sono oggi perpetrate ai danni dei cristiani in tutto il mondo, in particolare laddove la loro libertà religiosa è fortemente negata dai fondamentalismi di matrice islamica.

Diciamo BASTA! Chiedi anche tu al Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, la condanna formale e azioni concrete per fermare ogni atto di persecuzione e discriminazione a danno dei cristiani.

Firma ora! È necessario il supporto di tutti per fermare questo genocidio.
Aderisci anche tu